Gioielli sposa: quali scegliere e come abbinarli all’abito

gioielli sposa

I gioielli sposa devono essere non troppo vistosi, così come il trucco. Meglio scegliere, quindi, versioni minimal, per non apparire troppo volgari e per non distogliere l’attenzione da quello che sarà l’abito.

La maggior parte delle donne che si sposano sceglie gioielli composti da un filo di perle o, al massimo da un punto luce; molto in voga è anche l’uso di una collanina con un piccolo ciondolo pendente, di zaffiro o di acquamarina.

Chi vuole, invece, apparire un po’ più grintosa, può sempre scegliere delle collane girocollo con la presenza di pietre colorate. In alternativa, se indossiamo un abito da sposa in pizzo, si può scegliere collane della stessa stoffa per essere in pendant. Un elemento da considerare per il tipo di gioielli da indossare è sempre l’abito: un vestito che ha diversi punti luce, ad esempio, non avrà bisogno di molti accessori.

I gioielli sposa più gettonati sono sicuramente le collane. Tuttavia, c’è chi non rinuncia all’uso anche dei bracciali. Spesso, questi sono nello stesso stile della collana, con tanto di filo di perle, o i “tennis”, che cingono i polsi in una cascata di punti luce. Se la scelta dell’abito punta sul vintage, si possono sempre indossare vecchi monili delle nonne.

Per ciò che riguarda gli orecchini, dobbiamo prendere in considerazione l’acconciatura e l’abito, oltre che la forma del viso della sposa e delle orecchie. Spesso, gli orecchini per il giorno delle nozze sono scelti in combo con la collana. Sono, quindi, sotto forma di perle o di punti luce. Da ricordare come il galateo suggerirebbe le perle per le spose più adulte, mentre il punto luce sarebbe riservato a spose più giovani. I modelli a lobo sono perfetti per delle acconciature semi-raccolte, che mettono in risalto le orecchie. I pendenti, invece, non sono molto frequenti, anche se sono stati recentemente riportati in auge grazie alle nozze reali della principessa Kate Middleton.

Infine, parliamo degli anelli. Il galateo vorrebbe che la sposa portasse soltanto la fede nuziale. Alcune donne, però, esprimono spesso il desiderio di indossare anche l’anello di fidanzamento nel giorno delle proprie nozze. In questo caso, ricordiamo che esso andrebbe indossato soltanto a fine cerimonia, alla mano destra oppure sovrapposto alla fede nuziale.

Abiti da sposa: come sceglierli in base all’altezza

abiti da sposa

Come scegliere gli abiti da sposa in base all’altezza? Esistono modelli che, a seconda della nostra altezza, possono starci meglio. Vediamo quali sono.

In base alla nostra altezza, possiamo scegliere diversi abiti da sposa. Pensiamo, ad esempio, alle donne un po’ più alte e che hanno un fisico asciutto. In questo caso, il migliore da scegliere è senza dubbio quello a sirena. Questo modello segue attentamente le forme del nostro corpo, aprendosi in modo delicato nella parte bassa. Essendo molto attillato, starà bene ad una donna di corporatura magra, da completare con delle scarpe con tacco non troppo alto.

Se, invece, la futura sposa non è molto alta, dobbiamo cercare un abito che possa valorizzare e slanciare al meglio la figura. Si può prendere in considerazione uno stile semplice, ad esempio un abito da sposa liscio o scivolato, con uno scollo a V. Meglio non optare per veli da sposa troppo lunghi, per non spezzare la figura.

Sempre se non siamo molto alte, cerchiamo di evitare abiti con bustini bassi e sirene con attaccature al ginocchio. Accuratamente da evitare gli abiti stile Redingote, perché tendono ad accorciare troppo la figura. Cerchiamo, inoltre, di non usare abiti da sposa corti, soprattutto i tubini: questi staranno bene ad una donna piuttosto altra, da un metro e settanta in su.

Da scegliere, invece, abiti con gonne scivolate, con il tulle o lo chiffon, meglio se con una cintura sul punto vita. Attenzione, però, alla larghezza della cintura, che andrà scelta in base al seno e all’altezza del vostro punto vita. Si possono, inoltre, scegliere abiti con taglio ad A, abiti con corpetto e con gonna a vita alta, ma anche abiti con scollatura a barca oppure a cuore.

Le donne particolarmente alte potranno valorizzare la loro figura e dare risalto ai propri centimetri con una gonna e cercando di mantenere la giusta proporzione dell’insieme, donando così un perfetto equilibrio tra la parte del torace e delle gambe. I modelli più consigliati sono quelli che lasciano le spalle scoperte e che permettono, così, di concentrare l’attenzione sulla zona del decolleté. Andranno benissimo gli scolli romantici a cuore e gli abiti sena le spalline, meglio se dalla linea dolcemente arrotondata. Infine, possiamo scegliere un’acconciatura con capelli sciolti.

Sposarsi in inverno: gli accessori che non possono mancare

sposarsi in inverno

Sposarsi in inverno significa utilizzare moltissimi accessori che possono fare la differenza nel giorno delle nozze. Scopriamoli assieme.

Sposarsi in inverno

Per sposarsi in inverno si può fare largo uso di una lunga serie di accessori, molto utili ma anche molto trendy. Pensiamo, ad esempio, alla bellezza ed alla versatilità dei boleri da sposa. Un bolero in maglia larga e traforata, che abbia forme morbide ed avvolgenti potrebbe essere l’ideale. Ovviamente, il tutto dovrà essere coordinato all’abito da sposa, per dar vita così ad equilibrio ricercato. Per ciò che riguarda le tonalità da prendere in considerazione, si consiglia di mantenere un unico colore. I toni naturali della lana, ad esempio, possono essere esaltati grazie ad un abito delle stesse tonalità, creando così un effetto di grande eleganza e molto sofisticato.

Se abbiamo scelto un abito da sposa colorato, possiamo prendere in considerazione l’uso di un coprispalle dai colori delicati, magari dalle maniche velate, con uno chiffon bianco. Il tocco di classe potrebbe essere rappresentato da un modello con i polsini ricamati in pizzo, con tanto di dettagli di perline.

Le donne più eccentriche, che sono sempre di più, potrebbero scegliere di utilizzare una giacca corta, che arrivi proprio all’altezza del taglio in vita. Le più audaci, dall’anima rock, potrebbero scegliere un grintoso chiodo in pelle, meglio se nei colori del bianco, con finiture metalliche di acciaio brillante. a giacca ha una duplice funzione: renderà il vostro look particolare e, nel contempo, vi difenderà dal freddo.

Ancora, si può pensare all’uso di comode e calde mantelline, per non soffrire il freddo nelle giornate più fredde. Un blazer corto, ad esempio, potrebbe essere l’ideale. Esso si sposa perfettamente anche ad un abito da sposa in stile impero. In tal caso, si può optare per un modello che possa rimanere aperto davanti, lasciando visibilità al taglio sotto il seno che va a caratterizzare proprio questo abito. L’uso di una mantellina in pelliccia, che si allaccia davanti grazie ad un fiocco in chiffon vaporoso potrebbe essere davvero utile.

Qualsiasi siano gli accessori invernali per sposarsi in inverno, è necessario che si intonino sempre all’abito da sposa che abbiamo scelto e, perché no, alle scarpe da sposa che abbiamo scelto per il giorno delle nozze. Le migliori per la stagione fredda sono gli stivaletti, oppure i tronchetti, meglio nella versione con il tacco sottile.

Ombrello da sposa: come scegliere quello giusto

ombrello da sposa

L’ombrello da sposa è un accessorio molto in voga per chi si sposa in inverno, ma anche in autunno. Come possiamo scegliere quello giusto?

L’ombrello da sposa è un accessorio molto romantico, che ben si presta ad un matrimonio nella fredda e piovosa stagione. Si tratta di un elemento molto sofisticato, capace di dare un tocco elegante e raffinato al proprio look da sposa. L’ombrello è, infatti, un dettaglio molto ricercato. Sappiamo bene che ne esistono diverse tipologie: dobbiamo avere l’accortezza di abbinarlo bene al nostro vestito da sposa.

Molto particolare risulta essere quello con le applicazioni floreali. Si tratta di un ombrello da sposa completamente rivestito di fiori, perfetto se come tema delle nozze abbiamo scelto la natura ed i suoi elementi. In tal modo, l’ombrello diventerà un accessorio 100% green, capace di combinarsi in modo sapiente con gli elementi circostanti.

Per le donne più all’antica, magari più semplici e minimal, si può invece optare per un ombrello tutto trasparente. Spesso, se si sceglie questo modello, si può optare per un modello dal taglio a campana, un po’ retrò. Oltre ad essere perfetto come accessorio per figura, sarà l’ideale per coprire la testa della sposa in caso di pioggia proprio nel giorno del matrimonio.

Molto accattivante e particolare è l’ombrello da sposa in stile orientale, per le donne che amano l’Oriente e le loro tradizioni. In questo modo, il giorno delle nozze avrete un look originale ed esclusivo, che certamente non passerà inosservato. Le amanti del look colorato, invece, potranno scegliere un accessorio colorato, anziché nelle tonalità del bianco e dell’avorio. Gli ombrelli da sposa possono essere, infatti, anche in colori differenti: si va dal rosa confetto al blu, dal verde al rosso, passando per il viola oppure per il nero. Perfetti per un abito colorato, ma non solo.

Infine, si può cercare di personalizzare il proprio stile dell’ombrello da sposa, aggiungendo particolari dettagli come piume o perline, ricami, pizzi e molto altro ancora. Esistono anche a forma di cuore, per dare un tocco estremamente romantico al giorno del sì. Esiste davvero l’imbarazzo della scelta per essere sempre al top nel giorno delle nozze. Anche le damigelle, se presenti, possono presentarsi con il loro ombrello da sposa, meglio se abbinato a quello della sposa in questione.

Stivaletti sposa: le migliori calzature per un matrimonio invernale

stivaletti sposa

Gli stivaletti sposa sono delle calzature perfette per un matrimonio invernale. Ma come sceglierli ed abbinarli all’abito?

Stivaletti sposa

Per un matrimonio d’inverno, gli stivaletti sposa possono essere l’ideale. L’importante è sempre cercare di abbinarli in modo corretto all’abito che abbiamo scelto, per non andare a stonare.

Esistono moltissimi modelli di stivaletti che possiamo prendere in considerazione. Accanto agli abiti da sposa invernali, possiamo scegliere di indossare degli stivali in nappa bianca, che hanno finissime impunture e un tacco a spillo che, in genere, va da un minimo di cinque centimetri fino ad un massimo di otto, come vuole il bon ton. Questo modello è perfetto per le persone che vogliono dare un tocco di classicità e di eleganza al proprio matrimonio.

Ancora, un altro modello molto interessante potrebbe essere quello riguardante stivaletti arricchiti con dettagli lussuosi e particolarmente femminili. Pensiamo, quindi, ad articoli con decorazioni ad hoc: piccoli brillanti, diamantini, fiocchetti, applicazioni in perline. Il colore è sempre da prediligere nei toni del bianco, specialmente se anche il vestito da sposa è di quel colore. In caso contrario, andiamo sempre ad abbinare la scarpa al colore del nostro abito.

Per le spose più originali, magari anche un po’ più giovani, si può pensare di indossare particolari stivaletti che sono realizzati in materiali trasparenti ad effetto “nude“, con un bel tacco sottile ed alto. Questo modello è perfetto se la cerimonia ed il ricevimento si svolgeranno in un ambiente di città: si tratta di una soluzione che abbraccia sia il romanticismo che la modernità, con uno stile vagamente retrò. Le calzature di questo tipo si distinguono per la loro abbondanza di particolari.

Qualunque sia la calzatura che avrete scelto di indossare nel giorno più bello della vostra vita, la cosa importante è che sia adatta al vostro modo di essere. Lasciate, quindi, perdere i tacchi vertiginosi se non siete affatto abituati a portarli, altrimenti assumerete anche un’andatura finta ed innaturale.