Corsetto da sposa: guida al migliore accessorio per il matrimonio

sottoveste sposa

Il corsetto da sposa è un elemento molto vintage, ma anche romantico. E’ un accessorio che utilizzano molte donne nel giorno del matrimonio.

Corsetto da sposa

Chiamato anche con il termine di bustier, il corsetto da sposa è ancora molto utilizzato dalle donne nel giorno più bello della loro vita. Si tratta di un articolo che dà un tocco romantico e seducente all’abito e che, recentemente, è anche tornato in voga grazie alla riscoperta degli abiti vintage.

Chi opta per un vestito di tipo tradizionale, ha quasi l'”obbligo” di indossare il bustier. Se fino a qualche anno fa non era più di moda, adesso è tornato prepotentemente alla ribalta. E’ amato da tutte quelle donne che vogliono per la cerimonia un fascino un po’ retrò, che ci possa riportare nel passato, con un tocco di romanticismo.

E’ vero che stringe e solleva, ma non sta bene a tutte le persone. Riesce a valorizzare, però, la donna che ha un bel decolleté. Grazie alle stecche, infatti, riesce a contenere i kg in più, facendo scivolare anche al meglio il tessuto dell’abito da sposa che abbiamo scelto. I più classici modelli sono addirittura in stecca di balena o innovativo materiale sintetico. Per chi vuole essere un po’ più pratica, basterà usare una stoffa rigida corredata da preziose bretelline.

E’ un indumento molto versatile, che ben si presta a quasi tutti i tipi di gonne indossate nel giorno del matrimonio. Pensiamo, ad esempio, ad un abito a sirena: questo sarà impreziosito proprio dall’uso del corsetto da sposa, grazie alla linea avvitata, dando grazia e dolcezza a tutta la figura.

Per ciò che riguarda il tipo di cerimonia, ricordiamo che il bustier si adatta soprattutto alle cerimonie che si svolgono nel tardo pomeriggio. Ricordiamo, in ogni caso, che per la cerimonia in chiesa è sempre meglio coprire il decolleté e le spalle.

Scarpe da sposa comode: come scegliere quelle giuste senza soffrire

scarpe da sposa comode

Le scarpe da sposa comode possono essere utili per tutte quelle donne che, nel giorno del matrimonio, non vogliono fare i conti con il male ai piedi.

Scarpe da sposa comode

Le scarpe da sposa comode sono un’ottima alternativa ai vertiginosi tacchi che, spesso, tante donne nel giorno del loro matrimonio scelgono di indossare. E’ chiaro che il modello di abito da sposa dovrà essere in linea con le scarpe che abbiamo scelto, ma è altrettanto vero che possiamo scegliere di essere comode il più possibile nel giorno più bello della nostra vita.

Ciò non significa eliminare del tutto il tacco, anche perché andremmo a perdere in eleganza e in altezza. Ma se non riusciamo a portare un tacco 12, possiamo tranquillamente pensare di indossare, ad esempio, un tacco 5. In questo caso avrete una scarpa da sposa elegante e raffinata, ma con tutto il comfort che soltanto un tacco comodo ci può offrire.

Alcuni modelli prevedono la presenza di inserti gioiello, soprattutto sul cinturino. Anche se hanno un tacco minimal, davanti conservano punte dal modello decolleté che le spose adorano. E per chi ama l’assenza di tacco, specialmente chi vuole stare comodissima, può pensare di indossare un paio di ballerine flat. Se avete in mente di portare, però, un paio di scarpe di questo tipo, dobbiamo pensare al nostro modello di abito da sposa: il rischio, infatti, è quello di “inciampare” nella lunghezza dell’abito.

Per le più giovani e le più sportive, si può osare per un paio di sneakers da sposa. sono perfette soprattutto per il ricevimento, alla fine della cerimonia, quando le formalità sono ormai alle spalle e vogliamo darci al divertimento ed ai balli sfrenati. Sono perfette come seconda scarpa: se non volete rinunciare al tacco durante il giorno, potrete sempre utilizzarle la sera all’after-party. Ovviamente, via libera alla creatività, se volete scarpe da sposa personalizzate. Molti modelli di sneakers si prestano benissimo ad essere personalizzate, così da essere originali ed ancora più uniche.

Accessori capelli sposa: fiori, cerchietto o tiara?

accessori capelli sposa

Gli accessori capelli sposa sono molto di moda. Addirittura, molte donne li scelgono al posto del classico velo, oppure assieme ad esso.

Accessori capelli sposa

Sappiamo bene come gli accessori capelli sposa siano assolutamente importanti come l’abito o le scarpe nel giorno delle nozze. Impreziosire le nostre chiome con qualcosa di particolare è molto in voga, specialmente nei matrimoni estivi.

Molte donne scelgono i fiori tra i capelli, ad esempio con classiche coroncine boho-chic. Sono perfette per le donne che hanno un’indole romantica. Donano, infatti, un’allure fresca e moderna. Ci sono, però, alcune regole da tenere a mente, se vogliamo essere al top nel giorno più bello della nostra vita. Evitiamo i fiori finti, avendo cura di scegliere quelli veri. Meglio evitare quelli troppo grossi, pesanti e voluminosi. Se vogliamo scegliere questo genere di fiori, anziché una coroncina possiamo scegliere un fiore soltanto, per non appesantire troppo l’acconciatura.

La corona di fiori si presta bene ad acconciature con onde morbide, chignon non troppo stretti, ciocche intrecciate, oppure trecce. Viene appoggiata delicatamente sopra il velo, circondando leggermente il capo.

Molto utilizzato è anche il cerchietto, soprattutto dalle donne che hanno una bella frangetta, oppure che portano i capelli corti. E’ meno indicato per chi vuole portare il giorno del matrimonio capelli lunghi e sciolti. Da evitare anche se abbiamo la fronte alta.

Non possiamo certo non parlare della tiara, nella sua versione classica e non. Nel primo caso, via libera alle decorazioni in oro bianco. Volendo, però, si può scegliere anche una versione metallica in oro/bronzo, leggermente stilizzata.

In alcuni casi, molte donne scelgono di appuntare i propri capelli con spille e fermaglio gioiello. Tornati alla ribalta recentemente, sono da sempre usati per impreziosire acconciature classiche. Generalmente si scelgono nei toni del bianco, dell’oro o del gold rose, da abbinare con un make up accurato, possibilmente negli stessi toni.

Quali sono i gioielli più adatti ad una sposa?

parure sposa

La scelta della parure sposa fa molto discutere. Il galateo, infatti, suggerisce di non indossasse troppi gioielli, seppur coordinati tra loro.

Parliamo di parure sposa: è giusto indossare, nel giorno del matrimonio, orecchini con collana e bracciale in coordinato? Il galateo risponde di no, in quanto potrebbe sembrare troppo eccessivo. Via libera, però, ad un tocco prezioso con alcuni gioielli ben selezionati.

La sposa deve avere uno stile sobrio. Oltre alla fede nuziale, sarà necessario scegliere tra un bracciale, una collana o un bel paio di orecchini. Se l’abito è molto semplice, si può osare abbinando due pezzi di parure, specialmente se la sposa è molto giovane.

Le perle, simbolo di eleganza e di delicatezza, sono perfette da indossare alla cerimonia di nozze. Andrà bene il classicissimo filo di perle, abbinato a semplici orecchini con una sola perla.

Inoltre, nonostante esistano parure che prevedono l’esistenza di un orologio abbinato, questo è da evitare per l’outfit del matrimonio. Il polso della sposa risulterebbe troppo appesantito e non darebbe il giusto risalto alla bellezza dell’abito. Al contrario, lo sposo può tranquillamente indossarlo.

Nel caso in cui il gioiello scelto sia una collana, via libera all’intramontabile punto luce. Specialmente se l’abito da sposa è caratterizzato da una bella scollatura, questa collana è la scelta perfetta. Il delicato punto luce dovrà essere sobrio: meglio sceglierlo in oro bianco, sinonimo di delicatezza e di purezza. Per essere più originali e se le circostanze lo permettono, si può anche scegliere una collana leggermente più lunga, con due punti luce, a formare un piccolo ciondolo.

Come già detto precedentemente, l’anello di fidanzamento non dovrebbe essere presente alla cerimonia. La sposa, infatti, non dovrebbe portare alle dita nessun anello, se non quello nuziale. Se si desidera indossare l’anello di fidanzamento, si potrà scegliere di farlo al termine della cerimonia, oppure al ricevimento. Ovviamente, andrà all’anulare destro, dato che al sinistro ci sarà la fede nuziale.

Le tendenze 2020 per la lingerie da sposa

intimo sposa

Per un perfetto outfit nel giorno del proprio matrimonio è, ovviamente, necessaria una lingerie speciale. Come scegliere la migliore?

Lingerie da sposa: stili, tipologie e materiali

Insieme all’abito, alle scarpe e all’acconciatura, importantissima è la scelta della lingerie sposa, anche se non si vede. Ma quali sono i migliori articoli per l’intimo da sposa? Sono tantissime le spose che scelgono ancora il pizzo, così come da tradizione. Lo fanno soprattutto coloro che sono alla ricerca di uno stile particolarmente romantico e dai richiami vintage. Si può optare per un reggiseno e culotte in pizzo, meglio se in tonalità neutre o al massimo bianche, che vanno così ad accompagnare con delicatezza le forme della sposa, senza andare a costringerle e delineandone la silhouette in modo molto delicato.

Per il giorno delle nozze si può optare anche per reggiseni un po’ trasparenti e velati, che creano un effetto “vedo-non vedo”, molto sexy ma di classe. Nei completini intimi sono presenti spesso dei fiocchetti e dei piccoli dettagli che vanno ad adornare lo slip oppure le spalline del reggiseno, attenuandone leggermente la carica sensuale.

Altre spose scelgono dei reggiseni balconcino, con fasce sottoseno ricamate, meglio se in coordinato con slip anche alla brasiliana. Per chi ha necessità di un maggiore supporto push-up, esistono modelli imbottiti con bretelle in pizzo. Se invece l’abito richiede le spalle libere da spalline, si possono utilizzare reggiseni a fascia per un effetto molto naturale. In alternativa a culotte e slip, si possono abbinare perizomi a body o sottovesti. L’importante è utilizzare sempre toni molto neutri: color carne, bianco latte oppure avorio.

E se si ha l’esigenza di indossare modelli contenitivi? Anche in questo caso, niente paura. Si può optare per uno slip contenitivo a vita altra, abbinato ad un reggiseno a fascia, per minimizzare le silhouette più curvy. E quando l’intimo non basta, via libera anche ai body snellenti e alle sottovesti modellanti.