Velo da sposa: come e quale scegliere per un look perfetto

Il velo da sposa è da sempre un elemento imprescindibile. In commercio esistono diversi modelli: da quello più semplice a quello più sofisticato ed appariscente. Ecco quale scegliere per fare bella figura nel giorno più importante.

Velo da sposa

Il velo da sposa è un accessorio utilizzato da moltissime donne: sia dalle amanti del tradizionale, sia da tutte coloro che vogliono essere più moderne. Esistono, infatti, tantissimi tipi di modelli che possono essere abbinati agli abiti, per avere sempre un tocco personalizzato e non rinunciare al proprio stile.

Velo sposa corto

Le amanti della moda retrò, ad esempio, potrebbero optare per la cosiddetta “veletta”. Si tratta di un velo tipico degli anni ’40, adatto a chi ha i capelli corti e che ha la caratteristica di coprire il viso della sposa fino all’altezza del suo sguardo, senza mai superare il mento.

Leggi anche: Abito da sposa: i migliori accessori da abbinare

Esiste poi il velo “corto”, chiamato anche a triangolo. Misura circa 90 cm ed è perfetto sempre per chi ha i capelli corti ed un viso rettangolare. Ancora, chi ama il velo di media lunghezza può optare per il modello Shoulder. Esso arriva proprio sotto le spalle, senza mai andare a toccare il gomito. Grande classico è anche il velo ad altezza vita, che arriva esattamente alla lunghezza della vita della sposa. Perfetto su un abito a sirena o dal taglio a principessa, si può adattare su ogni tipo di viso e di acconciatura, sia lunga che corta.

Velo sposa lungo

Andando verso i veli più lunghi troviamo quello che arriva ai fianchi, al ginocchio, al floor (che arriva al pavimento ma senza esagerare, utile per essere eleganti ma anche libere nei movimenti durante la giornata), passando poi per quello chiamato a cappella, lungo ben 274 cm. Va a migliorare la silhouette di una sposa dal viso un po’ tondo, in quanto la sua caduta a cascata snellisce i lineamenti.

Infine, ricordiamo il modello “cattedrale“, che può arrivare anche oltre i tre metri e che è perfetto per gli abiti “principeschi”, arrivando poi al royal, aristocratico e lussuoso, utile per le cerimonie particolarmente sfarzose.