Le migliori alternative al velo nuziale

sposa con velo

Indossare il velo nuziale è un’usanza che ha radici antiche ma ancora oggi risulta in voga tra le spose tradizionaliste.

Non è una scelta però prediletta da tutte le spose, anzi, esistono numerosi accessori in alternativa ad esso, come completamento del look matrimoniale e per decorarne l’acconciatura. Vediamo quali sono le valide alternative al classico velo!

Le alternative al velo nuziale

Tra le prime valide alternative al velo nuziale c’è il cerchietto, che può essere realizzabile in tanti modi, compatibilmente con l’abito scelto. Tra i più selezionati vi sono quelli gioiello, per un look più principesco e scintillante. Più elegante e raffinato c’è il cerchietto di seta, molto spesso decorato con strass e perle, o quello con fiori variopinti, piume e bottoni.

Fascinator

Similmente al velo da sposa, c’è il fascinator: non è né un cappello né un cerchietto ma semplicemente un copricapo bon ton. È ideale per donare alla sposa un’aria regale e hollywoodiana, tipica delle lady inglesi e delle star americane. Il fascinator è un accessorio piuttosto elaborato, molto spesso realizzato con pizzo decorato, piume di pavone, perle, quasi a formare una vera e propria scultura sulla testa.

Coroncina da sposa

Rimanendo su questa linea boho chic troviamo la coroncina da sposa, di grande tendenza negli ultimi anni. Può essere decorata con fiori artificiali, chiffon ed organza di pura seta.

Pettinino

Per uno stile meno sofisticato e più semplice, c’è il pettinino, accessorio vintage che può essere fatto utilizzando la seta pura, perle d’acqua dolce o cristalli intrecciati a mano.

Fascia

Come alternativa al velo da sposa c’è la fascia, particolarmente indicata per la scelta di uno stile rétro. Può legarsi dietro alla nuca con un nodo o mantenere l’intreccio in vista, prestandosi su acconciature raccolte e morbide o lasciando i capelli sciolti.

La fascia è un adornamento molto adatto ad un matrimonio in perfetto stile Gatsby, specialmente se realizzata con piume di struzzo e raso con perline d’argento.

Vieni in Atelier e scopri di più!

Collant sposa, la nostra guida alla scelta

collant

I collant sono un elemento molto importante sotto il vestito da sposa e meritano di essere scelte con estrema cura.

Le calze vanno sempre selezionate in base al gusto della sposa o allo stile dell’abito: se ci sposa d’estate solitamente non vengono indossate mentre durante la stagione più fredda sono altamente consigliate.

Vediamo insieme come scegliere al meglio le collant perfette!

Differenza tra calze autoreggenti e collant

Innanzitutto è bene distinguere tra calze autoreggenti e collant: le prime risultano sicuramente più sensuali ma anche poco pratiche. Infatti il timore di alcune spose è che possano srotolarsi durante la cerimonia creando fastidi e disagi. Per stare più sicure, meglio fissarle con una giarrettiera sopra la fascia di silicone così da non creare particolari intoppi nel corso della giornata.

I collant invece sono di certo la soluzione più tradizionale e comoda, anche per le spose che desiderano contenere e assottigliare la figura. Oggi in alternativa ad esse sono molto di tendenza i calzini in pizzo o realizzati ad uncinetto, delicati ed eleganti.

La scelta del colore

Dopo aver scelto tra collant e calze autoreggenti, bisogna considerare il colore che oscillerà tra una tonalità naturale, l’avorio, il bianco o il perla. Un altro aspetto da considerare sono i denari: l’ideale sarebbe evitare calze coprenti, cercando inoltre di scegliere al meglio la taglia adatta per evitare grinze antiestetiche.

Le calze non sono particolarmente indicate per gli abiti da sposa attillati, a forma di sirena. Diversamente avviene per i vestiti corti che scoprono maggiormente la gamba: c’è chi osa con un look creativo indossando calze a fantasia, in pizzo o a pois.

Per uno stile meno ricercato e più semplice, meglio optare per le calze in seta. Un dettaglio fondamentale per le spose che indossano scarpe aperte è quello di cercare collant che non abbiano la cucitura sulla punta! Infine ricordatevi di comprare un paio di calze di ricambio per scongiurare qualsiasi imprevisto!

Vieni a trovarci in atelier!

Guanti da sposa: come sceglierli ed i modelli a disposizione

guanti-da-sposa

I guanti da sposa vengono ritenuti un accessorio antico e romantico, tornato di moda.

Consigliati soprattutto alle spose invernali, pare che la sua origine abbia radici lontane: un tempo le donne innamorate indossavano i guanti quotidianamente come segno d’amore verso il loro amato.

I guanti danno indiscutibilmente un tocco originale ed elegante alla sposa adattandosi a qualsiasi tipologia di abito. Vediamo come sceglierli!

I migliori tessuti per i guanti da sposa

Per prima cosa bisogna prestare attenzione al tipo di tessuto che dev’essere più affine possibile a quello dell’abito da sposa. In genere i guanti lunghi vengono realizzati in seta, mentre quelli più corti in pizzo.

I guanti da sposa lunghi fino al gomito (o addirittura fino all’ascella) ricordano le meravigliose dive degli anni ’50: versatili e realizzati in raso elasticizzato, si adatto perfettamente agli abiti in stile impero o fiabeschi.

I guanti da sposa corti ed in pizzo invece valorizzano gli abiti dalle linee più semplici, donando uno stile cool e sbarazzino!

Del tutto fuori dagli schemi ci sono i guanti senza dita (o con anello) perfetti per le spose dall’animo più rock e ribelle! Sono considerati i più informali nonostante la grande eleganza che mostrano, lasciando le dita scoperte.

Oltre al tessuto ed ai modelli, dev’essere scelto anche il colore dei guanti che non sempre può essere dello stessa tinta dell’abito da sposa. C’è chi preferisce il contrasto ed opta per delle nuance completamente esagerate come il rosso, blu o nero, particolarmente indicati per il modello senza dita.

Come indossarli al meglio

I guanti da sposa vengono indossati durante tutta la cerimonia ma la regola vuole che devono essere necessariamente sfilate durante il rito nuziale, prima dello scambio delle fedi.

Solitamente, una volta sfilati, si appoggiano sull’inginocchiatoio accanto al bouquet con un movimento rapido, raffinato e disinvolto. Dopo la fine della cerimonia non vanno indossati così da far risaltare la fede nuziale.

Vieni a trovarci in Atelier!

Confetti matrimonio: la nostra guida alla scelta

confetti-guida-alla-scelta

I confetti sono da sempre considerati un complemento della bomboniera in occasioni di grandi eventi.

Simboleggiano fortuna e prosperità e rappresentano un elemento immancabile durante il giorno del matrimonio, come dolce ringraziamento per gli invitati.

La confettata rappresenta infatti il momento conclusivo della celebrazione, rispecchiando il tema scelto dagli sposi per il lieto evento e creando totale armonia con il resto dell’allestimento scenografico.

Guida alla scelta dei confetti matrimonio giusti

La loro scelta non è casuale ma dev’essere pensata con cura: solitamente il significato dei confetti varia in base al colore e al numero.

Nello specifico il confetto scelto per il matrimonio è bianco, come colore che indica la purezza della sposa. Secondo il galateo, il numero dei confetti deve essere sempre dispari, in rappresentanza del concetto di indivisibilità dell’unione.

La classica scelta dei confetti prevede di optare per quelli al gusto mandorla ricoperti di glassa bianca. Ma oggi però non c’è limite alla fantasia e ci si può davvero sbizzarrire per scegliere gusti e colori di tutti i tipi!

Oltre alla mandorla, si possono scegliere i tradizionali gusti al cioccolato, caffè, frutta o addirittura gluten free.

Non solo: gli sposi più innovativi possono selezionare gusti particolari quali ricotta e pera, tiramisù, mascarpone, cocco e chi più ne ha più ne metta! Prima di procedere all’acquisto è assolutamente importante che i futuri sposi facciano una prova di testing, assaggiando i confetti e prestando attenzione alla qualità del prodotto.

Lo sweet table

Oggi alla classica forma ovale (o sferica) dei confetti, si aggiunge quella intrecciata ad anello, che può anche essere personalizzata con l’incisione delle due iniziali degli sposi.

Lo sweet table è l’allestimento che viene creato appositamente per il momento della confettata, generalmente posizionato all’ingresso o all’uscita del banchetto.

Il tavolo seguirà lo stile presente nel giorno delle nozze e verrà corredato con l’inserimento di tag che riporteranno i rispettivi gusti ed ingredienti dei confetti scelti.

Vieni a trovarci in Atelier per ulteriori consigli o clicca qui per contattarci!

Guida alla scelta della fede nuziale perfetta

guida-scelta-fede-nuziale

La fede nuziale il simbolo dell’unione eterna tra gli sposi. Sembra che lo scambio delle fedi nuziali risalga agli affreschi medievali, o addirittura nell’antico Egitto, patria dell’arte gioielliera.

Il cerchio infatti, quale figura senza inizio né fine, rappresentava la forma perfetta per simboleggiare l’amore eterno. La fede inoltre viene indossata nella mano sinistra, poiché il lato sinistro del corpo viene considerato quello del cuore, dunque dell’amore.

Data la sua notevole e inossidabile simbologia, scegliere le fedi giuste non è propriamente semplice: ne esistono di varie tipologie e possono essere personalizzabili con incisioni.

Vediamo insieme qual è la fede nuziale che fa per voi!

Guida alla scelta della fede nuziale

Una delle prime scelte da compiere, è quella del materiale.

Oggi gli sposi esclusivi optano per l’anello in platino, prezioso e solido, mentre quelli più tradizionali non rinunciano all’oro giallo. Si tratta di una scelta mai fuori moda e versatile che offre la possibilità di considerare anche combinazioni tra oro e metalli.

L’alternativa all’oro è senza dubbio l’argento, adatto alle coppie più semplici, magari meno sfarzose che non si sentirebbero a loro agio con un anello più vistoso.

L’oro bianco invece è sinonimo di pulizia e modernità: è del tutto attuale ed economicamente è il più accessibile. L’unico difetto è che nel tempo tende ad ingiallirsi un po’ non mantenendo il colore originale.

Le fedi in oro rosè sono destinate agli sposi che desiderano unire lo stile classico ad un tocco vintage. Potrebbe risultare di difficile portabilità rispetto agli altri materiali.

Infine ci sono fedi diamantate super chic, impossibile da non adorarle: adatte alle coppie che non rinunciano all’estetica impeccabile e vogliono brillare!

Come personalizzare le fedi

L’anello può essere personalizzato incidendo una frase caratteristica a scelta della coppia o più semplicemente il nome del futuro coniuge con accanto la data delle nozze.

Oltre alla scelta della personalizzazione e del materiale, bisogna considerarne anche la forma: esiste la tradizionale fede classica, la più richiesta, con uno spessore generalmente di 4 mm.

Più sottile della classica c’è la fede francesina, ideale per chi non è abituato ad indossare anelli: andando più sul particolare e ricercato, troviamo la fede napoletana che può essere aperta a metà, racchiudendo frasi simboliche d’amore.

La fede mantovana infine è più spessa di quella classica ma risulta piatta nella parte interna.

Vieni a trovarci nel nostro Atelier!